• Ambiente e Sicurezza Tel. 04123 86 614
  • Formazione Professionale Tel. 041 50 40 788
  • Medicina del LavoroTel. 041 23 86 606
  • Segreteria e Mepa Tel. 041 23 86 611
  • Credito Tel. 041 23 86 611
  • Contabilità Tel. 041 23 86 620
  • Amminstrazione PersonaleTel. 041 23 86 640
  • SindacaleTel. 041 23 86 700
  • Assicurazione Tel. 041 23 86 611

BUONO SCUOLA – Contributo Regione Veneto (A.S. 2016-2017)

Agevolazione permanente (rinnovata annualmente con bando)

Possono godere del CONTRIBUTO

Gli studenti (residenti in Veneto, comunitari o non comunitari) di scuole:

  • elementari (primarie), medie (secondarie di I grado) e superiori (secondarie di II grado)
  • statali; paritarie (private e degli enti locali); non paritarie se incluse nell’apposito Albo regionale (D.M. 29/11/2007 n. 263)
  • formative accreditate dalla Regione del Veneto (ad es. percorsi di istruzione professionale)
  • di “qualunque tipo di istituzione” in caso di studenti disabili, ma con alcuni vincoli (disabilità ai sensi dell’art. 3 della legge nazionale 104 del 1992; certificazione di insuccesso scolastico in scuole statali, paritarie, non paritarie e contestuale successo scolastico in “qualunque tipo di istituzione”)

nota bene: il contributo non può essere concesso se lo studente è già in possesso di un diploma di scuola superiore di secondo grado (superiori)

 

La richiesta del contributo può essere fatta:

  • dal genitore dello studente iscritto, dal tutore e volendo anche dallo studente (ma solo se maggiore)
  • da persone fisiche iscritte all’anagrafe tributaria e aventi domicilio fiscale in Italia;
  • solo per spese (in riferimento all’anno scolastico 2016-2017) relative a tasse, rette, contributi di iscrizione e frequenza dell’Istituzione scolastica-formativa superiori a 200 euro, debitamente documentate e confermate dall’Istituzione
  • solo se si appartiene ad un nucleo familiare con un ISEE 2017:

                                           inferiore a 40 mila euro (per studenti normodotati)

                                           inferiore a 60 mila euro (in caso di studenti disabili)

 

nota bene: il contributo non può essere concesso per libri di testo, mense, convitti, trasporti, attività di arricchimento formativo ecc.

 

Nel caso di studente disabile può essere concesso anche per le spese per il personale impegnato (durante l’orario scolastico o formativo) in attività didattica di sostegno che il richiedente ha sostenuto direttamente per lo studente fino ad un importo massimo di 15 mila euro 

In cosa consiste il CONTRIBUTO

Si tratta di un contributo (permanente o meglio rinnovato di anno in anno[1]) alle spese per tasse, rette, contributi di iscrizioni e frequenza (già sostenute per l’anno scolastico 2016/2017) e assegnato dalla Regione Veneto con le seguenti priorità a:

  1. studenti disabili (anche per le spese per il personale impegnato, durante l’orario scolastico o formativo)
  2. studenti appartenenti a famiglie numerose (almeno 4 figli o famiglie con parti trigemellari)
  3. studenti normodotati e appartenenti a famiglie non numerose (risorse residue)

Può essere richiesto per spese relative a tasse, rette, contributi di iscrizione e frequenza dell’Istituzione scolastica-formativa (superiori a 200 euro) e può “arrivare” fino alle cifre massime indicate nello schema sotto a seconda delle fasce di ISEE (ad es. per gli studenti normodotati il contributo massimo varia da 310 euro per la scuola primaria a 1.950 euro per la scuola secondaria/formativa di II livello).

Per le famiglie numerose e gli studenti con disabilità si applica sempre fascia 1 in tabella (max 900 euro per scuola elementare, 1.350 e 1.950 per le scuole secondarie (I e II grado).    

Fonte: Regione Veneto allegato A a DGR n. 507 del 14 aprile 2017, art. 3

nota bene: se le risorse stanziate nel bilancio regionale non saranno sufficienti ad assegnare e a pagare gli importi per gli studenti normodotati, gli stessi importi sono ridotti nella medesima proporzione per tutti i beneficiari

Termini di presentazione delle domande (e iter)

 

Da lunedì 15 maggio 2017 fino alle 12:00 di giovedì 15 giugno 2017

  1. si procede a compilare e a inviare la domanda esclusivamente mediante la  procedura web “Buono-Scuola Web”  http://www.regione.veneto.it/istruzione/buonoscuolaweb
  2. recarsi sempre entro le 12:00 di giovedì 15 giugno 2017 presso la scuola o l’istituzione formativa muniti di documento di identità e di domanda firmata con codice identificativo (la scuola, infatti, riceve telematicamente la domanda di cui al punto a) ma se non ci si reca in loco per la conferma della domanda la scuola non inoltrerà la domanda alle Regione Veneto); in alternativa la documentazione può essere spedita via fax o raccomandata o posta certificata alla scuola)

Dopo aver compiuto le formalità indicate ai punti a) e b) sarà compito della scuola inviare la domanda alla Regione Veneto.

Entro il 15/08/2017 la Regione Veneto assegnerà il contributo alle famiglie

I beneficiari prendono conoscenza dell’eventuale assegnazione nel sito internet  http://www.regione.veneto.it/istruzione/buonoscuolaweb

nella parte “Riservato ai richiedenti” “Accedi a risorse assegnate” (allo stesso percorso saranno disponibili anche i soggetti non ammessi)

 

Ottenere l’ISEE “per tempo”  (in modo da inviare la domanda entro i termini)

Per calcolare l’ISEE ci si può rivolgere ma “per tempo” presso l’INPS o i Centri di Assistenza Fiscale (CAF).

 

Riferimenti normativi

Deliberazione della Giunta Regionale (DGR) n. 507 del 14 aprile 2017 (Approvazione del bando per la concessione del contributo regionale “Buono-Scuola” per l’Anno scolastico-formativo 2016-2017. – BURV n. 39 del 21 aprile 2017

Allegato A al DGR n. 507 del 14 aprile 2017

Legge regionale 19 gennaio 2001, n. 1 “Interventi a favore delle famiglie degli alunni delle scuole statali e paritarie” (introduzione buono scuola)

 

Per informazioni – CGIA Mestre

 

Sede Mestre             041/2386601 – 041/2386707

Sede Marghera        041/2386674

Sede Marcon            041/2386744

Sede Trivignano      041/2386664

[1] L’importo massimo delle obbligazioni di spesa non aventi natura commerciale è determinato in 2.498.168 euro (alla cui assunzione provvederà con propri atti il Direttore della Formazione e Istruzione, disponendo la copertura finanziaria a carico dei fondi stanziati sul capitolo n. 061516 del bilancio regionale di previsione 2017-2019, esercizio 2017, “Interventi per garantire la parità scolastica a favore delle famiglie degli alunni frequentanti il sistema scolastico di istruzione L.R. 19/01/2001, n. 1”).

 

 

 

Tags: , , ,

Lascia un commento